Museo Montessori MEMO

Sede GAm -Museo Montessori MEMO

Nella nuova sede GAM di via Leone XIII n. 7 a Gonzaga (MN) è stato allestito il Museo Montessori – MEMO, nel quale sono esposti i primi materiali didattici ideati dalla grande pedagogista Maria Montessori.
I materiali Montessori sono oggetti semplici, razionali e coerenti, concepiti per offrire al bambino strumenti esplorativi della realtà naturale e umana che lo aiutino a sviluppare la capacità di ordinare gli stimoli provenienti dall’ambiente esterno: colore, forma, dimensione, sonorità, grado di rugosità, di peso, di calore, sapore, ecc.

I materiali rappresentano una componente inscindibile del Metodo stesso e sono classificati per aree tematiche:

Ingresso al museo Montessori MEMO

  • Vita Pratica:

Le attività di vita pratica hanno due finalità: imparare a prendersi cura dell’ambiente (riordinare, apparecchiare, lavare, curare gli animali, curare le piante, ecc.) e della persona (vestirsi, spogliarsi, lavarsi, pettinarsi, ecc.). Rappresentano una straordinaria forma naturale di psicomotricità, che favorisce la coordinazione dei movimenti e la concentrazione.

  • Educazione sensoriale:

L’importanza che Maria Montessori attribuisce alle esperienze sensoriali per lo sviluppo delle facoltà del bambino conferisce un ruolo fondamentale al materiale educativo. È infatti attraverso la manipolazione e i processi logici che ne vengono stimolati che si innesca il meccanismo di autoapprendimento o autoeducazione.

  • Linguaggio grafico, il meccanismo della scrittura e la lettura:

Attraverso l’esplorazione il bambino si prepara all’apprendimento della scrittura nelle sue varie tappe: dall’esercizio delle figure geometriche degli incastri di metallo a quello con le lettere smerigliate su tavolette di legno, fino alle singole lettere disposte in un apposito alfabetario

  • Insegnamento della numerazione ed avviamento all’aritmetica:

Una volta appreso a leggere e a scrivere, il bambino è preparato a comprendere i segni che rappresentano i numeri. La mente infantile ha bisogno di un aiuto chiaro e preciso. Per questo motivo gli si offrono oggetti concreti, costruiti appositamente per soddisfare tali esigenze, come ad esempio i numeri smerigliati, il casellario dei fuselli, i cartelli e gettoni, ecc.

  • Scienze – Geografia – Storia:

Il mondo delle creature, animate e inanimate, stimola il desiderio di apprendere del bambino. Tutto ciò che si trova nel mondo naturale che ci circonda è in qualche modo interconnesso. I materiali e le indicazioni che diamo al bambino lo devono incoraggiare a scoprire le relazioni esistenti tra noi, la natura e l’intero universo, tenendo presente “un principio essenziale: insegnare i dettagli significa portare confusione. Stabilire la relazione tra le cose, significa portare la conoscenza”.